JUPITER
anno: 2012

primo frammento della ricerca coreografica JUPITER AND BEYOND
concept e regia:
Nicola Galli
azione e creazione: Mattia Antico, Guerrino Guerra, Mike Mandini
elementi scenici e assistenza tecnica: Andrea Mosca
musica: György Ligeti
spazio prove: Teatro Julio Cortazar
un ringraziamento a: Raffaella Ferrari, Roberta Gravano
durata: 20 minuti


Il quinto pianeta, il più grande del sistema planetario. Gigante gassoso.
Il quinto dito, l'alba dell'uomo.
Una parabola solare sullo sviluppo fisico dell'uomo che si slancia nella continua progressione di duttilità e adattabilità. Una trasformazione biologica e uno sguardo su tre corpi differenti.
Instabile e dinamico ruotismo. Circulo, circonferenza celeste, né principio né fine: il cerchio, lontanissimo dalla quadratura di uno spazio a misura d'uomo, alto e largo quanto la misura dalle piante dei piedi alla sommità della testa eguale a quella delle braccia stese.
Relazione antropometrica di linee, direzioni e prospettive estesa nel reticolo spaziotemporale. Spanna.
Oltre il buio, la nebulosa.

Nicola Galli

Nicola Galli

Nicola Galli

Nicola Galli

Nicola Galli